Statistiche
  viva maiale!
Sburrita
Friggere - Frittura
Home baking : The artful ...
 
Contenuti più visti di oggi:
Besciamella
Lavorazione delle uova - Fare ...
Carpaccio di carne cruda allâ€...
Pici o Pinci
Gnocchi all’ossolana
 
Contenuti più visti in totale:
Legumi secchi, ammollo e cottu...
Come pulire e cuocere gli aspa...
Spinaci (pulizia e cottura)
Cottura dello zucchero - Caram...
Montare gli albumi
 
ricette
Maccheroni con l’ocio

La Toscana non è famosa per le pastasciutte ma alcuni primi piatti di pasta ci sono. Questi maccheroni sono fatti con una pasta un po' particolare: non sono i maccheroni classici di grano duro ma sono dei quadrati di pasta di 7-10 cm di lato tagliati da una sfoglia fatta con farina, acqua e poche uova. Sembrano un po' delle lasagne, e in effetti il piatto viene passato in forno prima di andare in tavola. La ricetta è tratta dal libro di Paolo Petroni "Il grande libro della vera cucina toscana".

 

per 4 persone

  • pasta fresca tagliata in grossi quadrati gr 600
  • un "ocio" (oca bianca)
  • prosciutto grasso e magro gr 100
  • una cipolla
  • una carota
  • un gambo di sedano
  • pomodori maturi o "pelati" gr 300
  • brodo di carne
  • burro gr 50
  • parmigiano grattato
  • pangrattato
  • noce moscata
  • olio d'oliva
  • sale
  • pepe

 

Tagliate a pezzi l'oca e mettetela in un tegame insieme agli odori tritati, il prosciutto anch'esso tritato e un paio di cucchiai d'olio.

Salate, pepate, profumate con noce moscata e fate rosolare a fuoco vivo per una decina di minuti.

Unite quindi i pomodori e proseguite nella cottura bagnando ogni tanto con poco brodo.

Dopo circa un'ora aggiungete anche il fegato dell'oca tritato e tenete sul fuoco altri 10 minuti.

Togliete i pezzi d'oca e con il sugo condite i maccheroni (quadrati di pasta fresca di circa 10 cm di lato).

Metteteli a strati, con il sugo e parmigiano in una teglia imburrata.

Terminate con sugo, parmigiano mescolato a poco pangrattato e con fiocchetti di burro.

Passate in forno per 5 minuti prima di servire.

Nota

Questo è un piatto tradizionale dell'Aretino e del Senese.

Veniva preparato tra la fine di giugno e i primi di luglio in occasione della festa che si faceva sull'aia durante la battitura del grano.

L'oca, qui chiamata "ocio", veniva consumata successivamente come secondo piatto.

L'oca è un po' pesante e grassa, per questo in Toscana c'è il detto: "Dell'oca, mangiane poca"!

6574 letture
Inserito da Emilia Onesti il 2007-07-25 15:58:06