Statistiche
  viva maiale!
Sburrita
Friggere - Frittura
Home baking : The artful ...
 
Contenuti più visti di oggi:
Lavorazione delle uova - Fare ...
Come pulire e cuocere gli aspa...
Chiffonade
Legumi secchi, ammollo e cottu...
Mestoli
 
Contenuti più visti in totale:
Legumi secchi, ammollo e cottu...
Come pulire e cuocere gli aspa...
Spinaci (pulizia e cottura)
Cottura dello zucchero - Caram...
Montare gli albumi
 
Necci

I necci sono come delle crespelle di farina di castagne che generalmente si servono dolci con la ricotta ma che possono accompagnare anche salumi ed altri formaggi. Questa ricetta è tratta dal libro "La provincia di Pistoia fra ricette e racconti" di Stefano Rastelli. La preparazione è tipica di Pistoia ma è diffusa anche in Lucchesia e Garfagnana, anch'esse zone di castagni. I testi di ferro utilizzati per la loro cottura possono essere tenuti su un normale fornello e girati a metà cottura.

 

Non sono molto numerosi i dolci pistoiesi e indubbiamente i "necci" sono tra i più conosciuti. Per realizzare questo particolarissimo piatto si utilizza il "testo", un particolare attrezzo a forma di doppia padella che è scaldato nella cenere del caminetto.

I testi più famosi sono fatti di coccio e riescono a cuocere la pasta di castagne in maniera uniforme, ma ve ne sono anche altri di ferro o ghisa. Una vecchia testimonianza storica affermava che i testi migliori erano quelli di ferro, ma siccome nel periodo della guerra questo metallo costava troppo, si cercò di ovviare a ciò con l'alternativa dei "testi" di terracotta o di pietra

Procuratevi

  • 300 gr di farina di castagne
  • 2 bicchieri di acqua
  • un cucchiaio di olio extra vergine d'oliva
  • un pizzico di sale
  • un cucchiaino di zucchero
  • dei testi di ferro o di coccio
  • un pennello (o uno straccio legato a un pomello)
  • strutto

 

In una ciotola impastate la farina, l'olio extra vergine d'oliva e il sale con dell'acqua, prestando attenzione a versarla piano piano, al fine di ottenere una pastella abbastanza densa, ma non troppo.

Appena questa sarà pronta, scaldate i testi e ungeteli, quindi versate la pastella su uno di loro e mettete l'altro sopra come un coperchio e cuocete da tutte le parti.

Se avete la possibilità di utilizzare quelli in coccio, dopo averli scaldati dovete prestare attenzione ad alternare il coccio con delle foglie di castagno e con sopra la pastella; poi di nuovo la foglia, poi il testo, e così via fino al riempimento del telaio.

Quando saranno cotti, serviteli in tavola con della ricotta freschissima che ne esalterà il sapore.

3460 letture
Inserito da Emilia Onesti il 2007-09-18 09:36:14