Statistiche
  viva maiale!
Sburrita
Friggere - Frittura
Home baking : The artful ...
 
Contenuti più visti di oggi:
Soffritto – Soffriggere – ...
Il grande libro della cucina a...
Francesina (Lesso rifatto con ...
Bonet con composta di pere
Amlou
 
Contenuti più visti in totale:
Legumi secchi, ammollo e cottu...
Come pulire e cuocere gli aspa...
Spinaci (pulizia e cottura)
Cottura dello zucchero - Caram...
Montare gli albumi
 
ricette
Frittelle di riso (per San Giuseppe)

A Firenze la tradizione vuole che per festeggiare San Giuseppe (e di conseguenza tutti i babbi) si mangino le frittelle di riso. Sono dolci che a volte contengono l'uvetta, a volte no; lo stesso vale per il liquore (quasi sempre vin santo) ma è certo che sia l'una che l'altro ci stanno proprio bene. Di versioni ce ne sono tantissime, questa prevede che il riso venga cotto il giorno precedente, per farlo maturare bene, e che poi si frigga nello strutto che è il grasso ideale per un buon fritto. E per finire lo zucchero semolato, non al velo, come faceva la splendida pasticceria Castaldini di Firenze.

 

per 6 persone

  • 200 gr di riso semifino
  • 650 ml di latte
  • 1 dl di rum
  • 4 cucchiai di zucchero
  • 40 gr di uvetta
  • la scorza finemente grattugiata di ½ limone
  • 5 cucchiai di farina
  • 4 tuorli
  • 2 albumi
  • sale
  • abbondante strutto per friggere (circa ½ kg)
  • zucchero semolato per servire
 
 

In una pentola portare ad ebollizione il latte con 2,5 dl di acqua ed un pizzico di sale, unire il riso e farlo cuocere finché il liquido non è stato tutto assorbito, girando di tanto in tanto. Versare in una zuppiera (tanto alla pentola si sarà sicuramente attaccato un po' di riso) e far riposare a temperatura ambiente per almeno 12 ore (se però facesse caldo accorciare i tempi o trasferire in frigorifero). Trascorso il tempo di riposo e maturazione del riso unirvi il rum, lo zucchero, l'uvetta lavata ed asciugata e la scorza di limone e mescolare bene per scomporre la massa che si sarà formata. Unire anche la farina ed i tuorli d'uovo e mescolare bene. A parte montare a neve gli albumi ed unirli al composto di riso in 2-3 parti, la prima si smonterà per diluire il composto ma le altre devono restare montate.

Mettere lo strutto in una padella e porre al fuoco, una volta fuso ci deve essere uno strato di strutto di 2-3 cm sul fondo. Quando il grasso è ben caldo, versarvi l'impasto a cucchiaiate, poche per volta, e friggerle finché non sono dorate. Far scolare ed asciugare su carta e poi passare nello zucchero semolato. Servire ben calde ma anche tiepide sono buone, oppure riscaldarle nel forno.

 

emilia onesti

2606 letture
Inserito da Emilia Onesti il 2007-06-18 13:42:20