Statistiche
  viva maiale!
Sburrita
Friggere - Frittura
Home baking : The artful ...
 
Contenuti più visti di oggi:
Soffritto – Soffriggere – ...
Preparazione del brodo e del b...
Bagnomaria
Pasta fatta a mano - Sfoglia
Appassire
 
Contenuti più visti in totale:
Legumi secchi, ammollo e cottu...
Come pulire e cuocere gli aspa...
Spinaci (pulizia e cottura)
Cottura dello zucchero - Caram...
Montare gli albumi
 
ricette
Pollo alla cacciatora

Di ricette di pollo alla cacciatora ce ne sono tante quante le famiglie che lo cucinano, sia in Toscana che fuori. Ci sono versioni che includono i funghi (secchi o freschi), altre che includono i peperoni (come si usava a casa mia), altre ancora che profumano il piatto con i semi di finocchio (come alla Scuola di Arte Culinaria Cordon Bleu di Firenze). Questa ricetta è tratta dal libro "Note sulla cucina e altre cose" di Guido Peyron, pittore fiorentino appassionato gastronomo che pubblicò questo libro nel 1956. Per cipolla di pollo si intendono i ventrigli, una parte dello stomaco. I pomodorini da inverno sono dei piccoli pomodori a grappolo che possono essere conservati appesi in luoghi areati per essere consumati durante la stagione fredda. Per fare un buon pollo alla cacciatora è indispensabile disporre di un bel pollo ruspante; comunque alla cacciatora è ottimo anche il coniglio, quanto alla bistecca, ad esser sinceri, non l'ho mai mangiata ...

 

[per 6 persone]

Il pollo alla cacciatora è un piatto tipicamente toscano, e capita di mangiarlo spesso dove chi governa nella cucina è una fattoressa o una cuoca di campagna.

Si prenda un bel pollo grosso e giallo, possibilmente del Valdarno. Gli si levi la testa ed il collo, che potrà in un secondo tempo servire per fare un buon brodo, lo si divida per metà e a colpi sicuri - per non fare delle briciole delle ossa - si riduca a pezzetti (circa quattordici). Si lavino questi pezzetti, il fegatino e la cipolla. Dopo di che si prenda uno di quei tegami dal bordo ricurvo, detti alla genovese. Se possibile ci si serva di un fornello con fuoco a carbone.

In quel tegame di metta un po' di olio di arrosto e olio fine piuttosto abbondante. Si prendano tutti i pezzi già preparati e si pongano nello stesso tegame a sfriggere e a prendere bel colore con sale e pepe. Quando il pollo avrà preso, con fuoco piuttosto rapido, una bella doratura si chiuda [, abbassi,] il fuoco e vi si mettano due belle cipolle tagliate a fette. Quando la cipolla avrà cominciato a prendere un po' di colore, ma non troppo, vi si getta un bicchiere di vino (mezzo bianco e mezzo rosso). Quando il vino sarà quasi completamente ritirato vi si buttano tre o quattro pomidoro grossi se di stagione sbucciati, altrimenti sei o sette pomidorini da inverno, e si faccia andare a giusto fuoco fino a cottura. Qualora si asciugasse troppo si potrà aggiungere o un pochino di brodo o un pochino di acqua.

Questa pietanza quando sarà servita nel suo tegame di cottura si presenterà col meraviglioso profumo e sugo tirato con pezzi di cipolla e pomodoro.

Come consiglio vi posso dire che sugli spaghetti, o sulle tagliatelle due o tre pezzetti di pollo disossato e battuto [, tritato,] e quel sughino di cipolla e pomidoro danno un condimento squisitissimo.

Certe fattoresse fanno il pollo alla cacciatora con solo aglio, salvia e pomidoro. È un buon piatto, ma il trogoletto nel modo che vi ho detto sopra è inarrivabile.

E così, in uno dei due modi, si possono fare e pezzi di coniglio, e pezzi di bistecca.

7225 letture
Inserito da Emilia Onesti il 2007-09-11 23:08:13