Statistiche
  viva maiale!
Sburrita
Friggere - Frittura
Home baking : The artful ...
 
Contenuti più visti di oggi:
Punto di fumo
Torta di ceci
Il grande libro della vera cuc...
Torta di riso carrarina
L'isola dei sapori
 
Contenuti più visti in totale:
Legumi secchi, ammollo e cottu...
Come pulire e cuocere gli aspa...
Spinaci (pulizia e cottura)
Cottura dello zucchero - Caram...
Montare gli albumi
 
Gelo di mellone (anguria)

Il gelo siciliano è una crema cotta che si serve fredda, un budino preparato con ingredienti profumati come questo, di mellone o muluni, o quello di cannella o di scursunera (gelsomino). La ricetta è tipica di Palermo e, come segnala Simonetta Agnello Hornby, è sconosciuta ad Agrigento. La stessa autrice, nella sua ricetta, consiglia di spezzettare il cioccolato e conservarlo in frigorifero fino al momento dell'uso, per mantenere integri i pezzetti all'interno del gelo in cui faranno la parte dei semini di cocomero. La ricetta riportata qui di seguito è tratta dal volume "Cucina siciliana insolita" di Claudio Nobbio. Ho ridotto la quantità di cioccolato e di zucca candita, ingrediente che può anche essere omesso.

 

  • 1 anguria grande

per ogni litro di succo:

  • 120 gr di zucchero
  • 80 gr di amido [(frumina o maizena)]
  • [...] [30 gr] di zucca candita [tagliata a dadini]
  • [...] [50 gr] di cioccolata fondente
  • vaniglia
  • cannella [(opzionale)]
  • essenza di gelsomino


Passare al setaccio o al passaverdure la polpa di una grossa anguria. Mescolare [poco alla volta] un litro del succo così ottenuto con lo zucchero e l'amido, facendo attenzione ai grumi. Portare a ebollizione e fare cuocere per qualche minuto, finché il composto si sarà un po' ristretto. Aggiungere un pizzico di vaniglia [(non di vanillina, bensì di polvere ottenuta dai suoi semini)], di cannella e un po' di essenza di gelsomino. Quando il composto è tiepido aggiungere la zucca candita e la cioccolata a pezzetti.

Versare il "gelo" subito in uno stampo unico o in porzioni e lasciatelo indurire in frigorifero per qualche ora prima di servirlo.

[Al momento del servizio rovesciare lo stampo su di un piatto e decorare con qualche fiore di gelsomino.]

2469 letture
Inserito da Emilia Onesti il 2012-05-24 18:55:54