Statistiche
  viva maiale!
Sburrita
Friggere - Frittura
Home baking : The artful ...
 
Contenuti più visti di oggi:
Cèe alla pisana
Come pulire e cuocere gli aspa...
Tostare
Rabatòn (specialità di Mandr...
Preparazione della gallina o d...
 
Contenuti più visti in totale:
Legumi secchi, ammollo e cottu...
Come pulire e cuocere gli aspa...
Spinaci (pulizia e cottura)
Cottura dello zucchero - Caram...
Montare gli albumi
 
Panigacci

Sono una preparazione tipica della zona marina al confine fra la Toscana e la Liguria e si possono considerare la piadina della Lunigiana. Come la piadina infatti i panigacci si gustano appena fatti (con degli affettati o semplicemente con un filo d'olio e del formaggio) come spuntino di metà giornata o come antipasto, non a caso sono un classico delle sagre della zona. Molto simili ai panigacci sono i testaroli, il primo piatto della Lunigiana che gode di maggior fama.

 
per 7-8 panigacci

  • 250 gr di farina "00"
  • ½ lt di acqua
  • sale
  • olio extravergine di oliva
  • 1/2 patata

 

Mescolare la farina, sale, acqua ed 1 cucchiaio di olio per ottenere una composto privo di grumi.

Scaldare a fuoco medio una padella di ferro o di ghisa di Ø 18-20 cm ed ungerla con la mezza patata intinta nell'olio. Versarvi un ramaiolo scarso di pastella distribuendo il composto su tutta la superficie. Girare il panigaccio con una spatola e cuocerlo dall'altro lato. Impilare i panigacci via via che sono pronti e tenerli in caldo. Ricordarsi di ungere sempre la padella con la patata intinta nell'olio prima di cuocere un panigaccio.

Servire ben caldi con salumi, oppure olio e scaglie di formaggio (pecorino o parmigiano), oppure ancora con un velo di pesto o di sugo di carne o di funghi.

emilia onesti
6327 letture
Inserito da Emilia Onesti il 2007-05-03 16:01:33
 
Ricette simili
Testaroli
Tondone