Statistiche
  viva maiale!
Sburrita
Friggere - Frittura
Home baking : The artful ...
 
Contenuti più visti di oggi:
Cappelletti mantovani (immanca...
Il libro dei migliori menù : ...
Friggere - Frittura
Casseroles &éprouvettes
Schiumare
 
Contenuti più visti in totale:
Legumi secchi, ammollo e cottu...
Come pulire e cuocere gli aspa...
Spinaci (pulizia e cottura)
Cottura dello zucchero - Caram...
Montare gli albumi
 
‘A stemperata

La stemperata o stimpirata è un modo di accomodare le carni cotte, solitamente il coniglio o la lepre. La versione con il coniglio bollito e poi disossato servito freddo a stimpirata, come la preparano alla Scuola di Arte Culinaria Cordon Bleu, è perfetta per l'estate. Pino Correnti nel suo "Diamante della grande cucina di Sicilia" ne propone una versione agrodolce, arricchita con uvetta, pinoli e pastinaca in cui la lepre (o coniglio) viene rosolata in olio e finita di cuocere con la stimpirata. Anche delle fette di pesce spada fritte sono ottime a stimpirata. La ricetta che segue è tratta dal libro "L'isola dei sapori" di Anna Pomar. A casa mia, in Toscana è vero, preparo la stimpirata senza carote e con tanta menta.

 

La stemperata è un modo di condire le pietanze in uso nel ragusano. Spesso alle carote si aggiungono i peperoni e torsoli di carciofo già scottati.

Ingredienti:

  • olive bianche snocciolate gr 200
  • aglio 3 o 4 spicchi
  • carote bollite gr 200
  • capperi gr 100
  • sedano un mazzetto [(3 o 4 coste)]
  • menta qualche foglia
  • aceto [bianco] un bicchiere
  • olio
  • sale
  • pepe


Preparazione: Colorite in padella l'aglio a pezzetti e un po' alla volta aggiungete gli altri ingredienti, le olive snocciolate, i capperi, il sedano tritato, le carote bollite a pezzetti, qualche foglia di menta, sale e pepe. Lasciate insaporire, sfumate con l'aceto e lasciate sul fuoco a fiamma bassa ancora per una decina di minuti. I cibi a la stemperata si mangiano freddi.

3035 letture
Inserito da Emilia Onesti il 2010-11-03 11:26:02