Statistiche
  viva maiale!
Sburrita
Friggere - Frittura
Home baking : The artful ...
 
Contenuti più visti di oggi:
Cottura dello zucchero - Caram...
Maionese
Tè & caffè
Agnolotti di carne (Agnulot) c...
Home baking : The artful mix o...
 
Contenuti più visti in totale:
Legumi secchi, ammollo e cottu...
Come pulire e cuocere gli aspa...
Spinaci (pulizia e cottura)
Cottura dello zucchero - Caram...
Montare gli albumi
 
Cipollata rossa monferrina

Questa ricetta è tratta dal libro "Le ricette regionali italiane" di Anna Gosetti della Salda. Si tratta di una crema di formaggio con un solo cipollotto ma bello forte. Per pelare il peperone è possibile utilizzare il pelapatate, non è semplicissimo ma è l'unico metodo per farlo senza cottura. Se si vogliono fare dei tomini elettrici è possibile seguire questa ricetta usando più peperoncino e senza aggiungere il formaggio. Diluire la salsa con olio ed utilizzarla per marinare dei tomini.

 

per 6 persone

  • robioletta o toma delle Langhe ancora fresca e morbida gr 200
  • peperone rosso, fresco e carnoso, pelato gr 50
  • un cipollotto
  • mezzo limone
  • un pezzettino di peperoncino rosso piccante
  • olio d'oliva
  • paprica dolce
  • sale

 

Porre nel vaso del frullatore il peperone a pezzetti, il cipollotto mondato e affettato, il peperoncino rosso piccante finemente sbriciolato, un cucchiaino raso di paprica, il succo filtrato di mezzo limone, due cucchiai di olio d'oliva ed un pizzico di sale. Frullare sulla velocità massima sino ad avere un composto liscio ed omogeneo, quindi incorporare il frullato al formaggio sbattendo tutto con energia. Versare la crema ottenuta in una ciotolina e in attesa di servire, tenerla insieme all'agliata verde [...], in frigorifero, ben coperta. Accompagnare la «cipollata» con fette di pane casereccio, oliato e tostato in forno, e con un vino bianco, giovane e fresco.

Nota

È una preparazione per chi preferisce i gusti piuttosto intensi anche se il formaggio fresco ne ammorbidisce la sapidità. Da notare tra gli ingredienti la paprica dolce, una spezia tipica dell'Ungheria, una nazione assai lontana dal Piemonte. Quando il frullatore non era ancora in uso, il peperone rosso, il cipollotto ed il peperoncino piccante venivano tritati più finemente possibile e poi passati al setaccio per renderli più omogenei prima di unirli all'olio, al limone ed infine al formaggio; invece che in frigorifero il composto, in attesa di servirlo, veniva riposto nel fresco della dispensa.

4114 letture
Inserito da Emilia Onesti il 2008-05-21 16:35:35
 
Ricette simili
Agliata verde monferrina