Statistiche
  viva maiale!
Sburrita
Friggere - Frittura
Home baking : The artful ...
 
Contenuti più visti di oggi:
Come trattare l’aglio
Panissa (all’uso di Vercelli...
Ravioli o agnolotti di magro
Bistecche alla fiorentina
Cucina siciliana insolita : Ri...
 
Contenuti più visti in totale:
Legumi secchi, ammollo e cottu...
Come pulire e cuocere gli aspa...
Spinaci (pulizia e cottura)
Cottura dello zucchero - Caram...
Montare gli albumi
 
Pasta piena

Questa ricetta è la maniera più veloce di fare una pasta ripiena, non si deve piegare e richiudere la pasta, né farcire singoli pezzi o strisce. Il ripieno è disteso, spalmato sulla sfoglia poi coperto con altra sfoglia e tagliato. Può sembrare impossibile, invece la pasta non si apre durante la cottura pur non essendo sigillata a mano. Quella che trovate qui è una rielaborazione, è una "spoja lorda" rinfrescata con il limone e l'erba cipollina. La "spoja lorda" o "minestra ripiena" è un piatto romagnolo, tipico di Brisighella. Così come romagnoli sono i "tortelli sulla lastra", un'altra preparazione il cui ripieno è spalmato fra due sfoglie, che sono però cotti sulla lastra di ghisa o sui testi di terracotta, gli stessi usati per la piadina (romagnola appunto).

 

per 4 persone

per la pasta:

  • 300 gr di farina "0"
  • 3 uova

per il ripieno:

  • 300 gr di crescenza o squacquerone (formaggio tipo stracchino)
  • 70 gr di parmigiano grattugiato
  • 1 uovo
  • la scorza finemente grattugiata di mezzo limone
  • 1 cucchiaio di erba cipollina tagliuzzata finemente
  • 1 cucchiaio di pangrattato
  • pepe bianco appena macinato
  • sale

per servire:

 

Fare la pasta con la farina e le uova e lavorare per circa 20 minuti. Avvolgere la pasta nella pellicola e far riposare per 30 minuti.

In una zuppiera schiacciare la crescenza con una forchetta per ottenere un composto cremoso, unirvi il parmigiano, l'uovo, la scorza di limone e l'erba cipollina. Salare, pepare e tenere in frigorifero fino al momento dell'uso.

Trascorso il tempo di riposo della pasta stenderla abbastanza sottile per ottenere una sfoglia di forma regolare. Divederla in due e spalmare la superficie di una con l'impasto di crescenza per formare uno strato uniforme dello spessore di pochi millimetri. Coprire con le pasta libera e pressare leggermente con il mattarello per far aderire.

Con la rotella dentellata tagliare delle strisce larghe 2 cm e poi ritagliare in quadratini.

Portare ad ebollizione il brodo e cuocervi la pasta piena fin quando non ritorna tutta a galla. Servire con una spolverata di erba cipollina.

 

emilia onesti

2673 letture
Inserito da Emilia Onesti il 2009-02-25 11:48:20